v. Appiano 22, 00136 Roma
0635348450

Aggiungere una Library a Kontakt 5

Nel tentativo di caricare le librerie sviluppate per il sampler-player Kontakt di Native-Instruments può capitare che venga visualizzata la scritta “No library found” e che la libreria non venga caricata appunto nella sezione “Libraries”, posta nella colonna a sinistra. Ciò accade in quanto nella cartella della libreria non viene individuato il file di riconoscimento, che dalla versione 5 in poi riporta l’estensione “.nicnt”, mentre nelle precedenti versioni di Kontakt questa funzione di individuazione della libreria era assegnata semplicemente ai file .nkc e .nkx.

Nel caso il file .nicnt sia assente la libreria dovrà essere gestita tramite la funzione “Files” (accanto al Libraries tag). Occorre precisare che l’inclusione di questo file, e quindi la possibilità di caricare e gestire la libreria direttamente dall’interfaccia di Kontakt,  comporta, da parte dei produttori di samples libraries, l’acquisto di una licenza d’uso apposita (piuttosto costosa) che include anche il sistema di protezione e l’impiego del relativo numero di serie. In tutti gli altri casi, in cui questo file è mancante, ad esempio nel caso di librerie autoprodotte, gli strumenti virtuali con le relative articolazioni potranno essere selezionate e caricate direttamente dal File Browser.

A volte è possibile trovare i due metodi anche nella stessa serie di librerie appartenenti allo stesso produttore. Ad esempio osservando la struttura della versione 2.0 delle librerie principali “Berlin Strings “ e “Berlin Woodwinds” prodotte da Orchestral Tools  è possibile individuare, nel fondo della struttura, il relativo file nicnt.
05-02-2016 20-28-26
Negli aggiornamenti prodotti successivamente, invece, chiamati appunto Exp A, B, C, ecc. le articolazioni andranno caricate tramite la funzione “Files”.
Nella finestra del File browser quindi dovremo innanzitutto cercare ed esplorare la cartella “Instruments” e le eventuali sottocartelle (Multi, Single, ecc), quindi, nella finestra sottostante basterà cliccare o trascinare nella finestra principale di Kontakt  i file relativi alle articolazioni, riconoscibili dall’estensione .nki.
Qui di seguito un’immagine di esempio che raffigura la struttura file della libreria Berlin Strings ver. 2.0, uguale a quella dei Berlin Woodwinds.
esempio
Chiaramente anche la cartella “Samples” dovrà risultare riempita correttamente, altrimenti nel caricamento verranno segnalati dei campioni mancanti.
Di seguito un elenco dei principali tipi di file utilizzati dal software Kontakt

NKI – Kontakt instrument
NKM – Kontakt multi instruments
NICNT – Kontakt library file
NKB – Kontakt instruments bank
NKR – Kontakt resource file (elementi grafici e script))
NKX – Kontakt protected monolith
NKC – Kontakt cache file
KDB – Database

Leave a reply